Playground al Parco Cicogna? Promosso… con riserva!

 

Nei giorni scorsi sono state rimosse le recinzioni della ditta che ha effettuato i lavori di realizzazione del playground Giulia Rinaldo al Parco Cicogna. Finalmente, dopo più di un anno di irruzioni in Municipio, assemblee pubbliche, incontri con gli assessorati competenti, l’iter di realizzazione del complesso ludico-sportivo finanziato dal CONI nel cuore di Ponte Mammolo sembra ormai concluso. Un risultato eccellente, senza dubbio, frutto del duro lavoro del Comitato Mammut e di tutti gli abitanti del quartiere che in questi anni si sono attivati per la riqualificazione del campo di via Pensotti e di tutto il Parco Cicogna.

Ci sono, tuttavia, alcune zone d’ombra che meritano di essere evidenziate. Da tempo, come Comitato Mammut e abitanti della zona, avevamo avviato un percorso di interlocuzione col Municipio per aggiungere alcune opere di pubblica utilità al playground. Queste opere prevedevano, fra le altre, l’illuminazione, la recinzione del complesso, il taglio dell’erba, la gestione pubblica dell’area, l’avvio di un processo che avrebbe portato alla riqualificazione complessiva dell’intero parco. Piccole modifiche mirate a non far degradare l’area entro pochi mesi e a garantire la sicurezza di tutti coloro, grandi e piccini, che la frequenteranno. Un percorso che avrebbe fatto del playground un intervento realmente partecipato dalle realtà del territorio, e non il solito progettino calato in maniera anonima dentro a un quartiere.

Il Municipio si era impegnato ad un programma minimo di realizzazione di questi lavori aggiuntivi. O meglio, il grosso di questi lavori se li era accollati il CONI attraverso la sua ditta e li avrebbe dovuti realizzare, sempre a parole, non appena avuto il benestare del Municipio. Questo era stato detto durante il sopralluogo con la Commissione Ambiente municipale circa un mese fa.

Da allora nulla di quanto promesso è stato fatto. La situazione si è sbloccata solo quando, il 22 giugno, un gruppo di ragazzi del quartiere è stato cacciato dall’interno del playground dalla Municipale, che affermava di non poter permettere l’accesso in quanto area non completata e dunque non sicura. Venerdì 29 giugno la ditta incaricata dei lavori ha rimosso le recinzioni ed ora, di fatto, il playground è aperto, ma senza che vi sia stata né un’inaugurazione, né il completamento delle opere di messa in sicurezza promesse.

Siamo certamente felici dell’apertura del playground in quell’area a cui finalmente è stata restituita la dignità e la bellezza che merita. Ma non molleremo di un centimetro finché non verrà garantita la sicurezza dell’area, finché non si predisporrà tutto il necessario per non farla degradare entro breve tempo, finché non si effettueranno le opere di riqualificazione complessiva dell’intero Parco.

Playground promosso… ma con riserva!

INSIEME SI PARTECIPA, UNITI SI VINCE!

Comitato di quartiere Mammut

comitatomammut.wordpress.com / comitatomammut@gmail.com / Fb: Comitato Mammut

Annunci

IL DOPOSCUOLA RADDOPPIA GLI INCONTRI

Il doposcuola raddoppia gli incontri:

  • Martedì dalle 15:00 alle 17:00  presso l’Istituto Comprensivo Giovanni Palombini” in Via Giovanni Palombini 39
  • Giovedi dalle 17:00 alle 19:00  presso la sede del Comitato in Via Pio Briziarelli 17

30421683_10217130055270633_202564368_n

17 FEBBRAIO 2018 -Assemblea per la riqualificazione complessiva del Parco Cicogna

RIQUALIFICAZIONE COMPLESSIVA
DEL PARCO CICOGNA: A CHE PUNTO SIAMO? SULL’ASSEMBLEA PUBBLICA E L’INCONTRO DI OGGI IN MUNICIPIO IV

Sabato 17 Febbraio decine di persone hanno partecipato all’assemblea pubblica all’ingresso del Parco Cicogna, indetta dal Comitato Mammut, per parlare insieme del playground che sta prendendo forma al Parco. Numerosi gli interventi sul progetto, dal Comitato agli abitanti del quartiere, dal Casale Alba 2 al Nodo Territoriale Tiburtina, dalla Scuola Palombini alle rappresentanze del Municipio.

Tutti gli interventi sono stati concordi nell’affermare soddisfazione in merito alla scelta del Cicogna per la realizzazione del Playground, un’area abbandonata a sé stessa da molto tempo e che negli ultimi anni è stata oggetto di cura e attenzione da parte del Comitato Mammut e degli abitanti del quartiere.

Nel corso dell’assemblea è stato precisato, come più volte affermato dal Comitato Mammut e dagli abitanti, che il playground può e deve avere una pianificazione più ampia del semplice montaggio di attrezzature da abbandonare a sé stesse o da far gestire a qualche privato. In questo quadrante conosciamo bene le speculazioni connesse alle aree verdi, in particolare il pessimo precedente dei Punti Verde Qualità. Il Parco Cicogna potrebbe essere un punto di discontinuità rispetto al passato, in cui è chi vive il territorio in questione a decidere sul proprio futuro e ad assicurarsi che il progetto venga realizzato, non venga abbandonato e soprattutto non diventi boccone prelibato per privati affaristi.

L’assemblea ha deliberato la volontà di continuare a battersi affinchè, attraverso la riqualificazione dell’intera area con area cani, fontanella, illuminazione, realizzazione sentieri e panchine, collegamento con via Pensotti, il Parco venga riqualificato nel suo complesso (anche le parti che affacciano su Via Cicogna, Via Valletta e via Pensotti) e diventi un punto di riferimento, per il quartiere e non solo. L’incontro di oggi Lunedì 19/2 con l’assessore all’ambiente del Municipio IV, Angelucci, abbiamo affermato con chiarezza questi punti. Da parte degli assessori c’è stata una disponibilità di massima ad accogliere le richieste, che richiederanno del tempo per l’attuazione.

Consideriamo l’assemblea e l’incontro al Municipio come ulteriori passettini in avanti, ma ovviamente il ruolo del Comitato e degli abitanti del quartiere non cambia: vigilare attentamente sull’operato, continuare la spinta dal basso ed insistere per raggiungere l’obiettivo. Il playground è solo l’inizio!

INSIEME SI PARTECIPA, UNITI SI VINCE!

CdQ Mammut

#comitatomammut #pontemammolo #rebibbia #parco #parcocicogna #riqualificazione #dalbasso

Riqualifichiamo il Parco Cicogna!!!

IL PLAYGROUND DEL PARCO CICOGNA INIZIA A PRENDERE FORMA!

In questi giorni stanno iniziando i lavori per la realizzazione del playground (attrezzature sportive, campo polivalente, sistemazione dell’area) all’interno del Parco Cicogna (Ponte Mammolo).

La scelta del Cicogna per il progetto, finanziato dal CONI, è frutto dell’impegno di tante persone che, insieme al Comitato Mammut, da anni ne hanno fatto un punto centrale d’intervento sul territorio, riqualificando il campo abbandonato, promuovendo tornei sportivi, l’arena cinematografica estiva, iniziative, concerti, e soprattutto difendendolo da speculazioni private. Il 5 Ottobre 2016 il Comitato e gli abitanti hanno preteso l’approvazione di una mozione presso il Municipio in cui si riconosceva il lavoro di questi anni sull’area. Il 19 Aprile 2017 una numerosa assemblea pubblica alla Scuola Palombini rendeva partecipe il quartiere del progetto sul Parco. Da lì, un lungo percorso ha portato fino all’inizio dei lavori.

Come più volte affermato dal Comitato Mammut e dagli abitanti, il playground può e deve avere una pianificazione più ampia del semplice montaggio di attrezzature da abbandonare a sé stesse o da far gestire a qualche privato. Il progetto, attraverso la riqualificazione dell’intera area con illuminazione, realizzazione sentieri e panchine, collegamento con via Pensotti, può rendere il Parco, per decenni abbandonato a sé stesso, uno spazio fruibile da tutti ed un punto di riferimento per il quartiere. Le richieste alle amministrazioni su questi temi non sono andate finora a buon fine. Seppur sia già un grande risultato la sua realizzazione, non solo per Ponte Mammolo ma per tutto il IV Municipio, la partita sul playground non è ancora finita, proprio ora che stanno iniziando i lavori dobbiamo far sentire forte la nostra voce per arrivare all’obiettivo: la riqualificazione reale e complessiva del Parco Cicogna!

INSIEME SI PARTECIPA, UNITI SI VINCE!

Comitato di Quartiere Mammut – Ponte Mammolo

 

 

 

INCENDIO CARCASSE MOTORINI PARCO CICOGNA-LATO VIA MARIO PENSOTTI

Nei giorni scorsi siamo a conoscenza dello spiacevole episodio di incendio accaduto nell ‘area verde Parco Cicogna che affaccia su Via Mario Pensotti. Le foto allegate mostrano cosa e’ stato dato alle fiamme, per la precisione :4 carcasse di motorini, bauletti vari, gomme e una bombola di gas. Mettiamo in risalto, oltre l’incivilta’ del gesto, la pericolosita’ del gesto in quanto parte di passaggio pedonale.

Ci teniamo a ricordare che quell’area e’ stata riqualificata e bonificata con l’aiuto fisico e morale di tutti gli abitanti del quartiere e restituita alla collettivita’. L’area fa parte del Parco Cicogna, per il quale siamo riusciti ad ottenere l’installazione di un Playground con attrezzi ginnici, campetto, panchine da parte del Coni, situazione che monitoriamo costantemente e che speriamo di portare presto a termine. Un parco che, nei limiti delle nostre possibilita’, cerchiamo di tenere pulito e di riqualificare ormai da 3 anni, dopo decenni di abbandono. Ci stiamo battendo affinche’ venga pulita, bonificata e riqualificata anche quella parte di Parco che affaccia su Via Vittorio Valletta e su Via Mario Pensotti, entro fine mese ci incontreremo con l’Assessore All’ambiente del IV Municipio.
Condanniamo in maniera piu’ assoluta il gesto, a prescindere da chi l’abbia compiuto. Ci stiamo muovendo per far rimuovere quanto prima quelle carcasse,speranzosi che atti del genere non ce ne siano piu’ per la sicurezza di tutti.

Il degrado si combatte con l’attivazione dal basso, il parco e’ di chi lo vive!

 

SEGNALAZIONE MANCATA ILLUMINAZIONE VIA MARIO PENSOTTI

Nella giornata di ieri abbiamo provveduto a mandare, tramite e-mail agli enti preposti, una lettera di richiesta di intervento e ripristino dell’illuminazione pubblica in Via Mario Pensotti, nello specifico nel tratto di strada che si congiunge a Via Pio Briziarelli.

In allegato potete trovare la documentazione.

L’ Acea si riserva di rispondere alla segnalazione entro 30 giorni, noi aspettiamo dopodichè se sarà necessario effettueremo una raccolta firme!!

Prendiamoci cura del nostro quartiere,
INSIEME SI PARTECIPA, UNITI SI VINCE!

CdQ Mammut

 

Manifestazione del 28/11/2017 sotto il Consiglio della Regione Lazio

CENTINAIA DI INQUILINI RESISTENTI NELLA GIORNATA DI IERI HANNO MANIFESTATO SOTTO IL CONSIGLIO DELLA REGIONE LAZIO PER UNA NUOVA POLITICA DELLA CASA!

DI SEGUITO IL REPORT DELL’INCONTRO DI
UNA DELEGAZIONE CON I CAPI GRUPPO DELLA MAGGIORANZA E DELL’OPPOSIZIONE.

In tanti, provenienti dai vari quartieri di Roma, sono arrivati in via della Pisana 1301 davanti alla sede del Consiglio regionale del Lazio per chiedere una svolta nella gestione della politica abitativa a Roma e nel Lazio. I molti inquilini delle case popolari, degli enti previdenziali e dei piani di zona hanno manifestato insieme ai tanti cittadini che hanno perso l’alloggio e che sono già da anni in emergenza abitativa, costretti ad occupare una casa per dare un tetto alla propria famiglia.
Tutti insieme per chiedere una svolta nella gestione dell’emergenza casa nella città di Roma e nel resto della regione.
Nell’incontro che si è tenuto con i capi-gruppo della maggioranza (PD, Insieme per il Lazio) e dell’opposizione (M5S) sono stati esposti tutti i punti messi al centro della manifestazione di ieri:

– rendere operativo il piano regionale sull’emergenza casa (delibera n. 18/2014) che prevedeva l’utilizzo dei 250 milioni (fondi ex-Gescal), ad oggi ancora non spesi per Roma dove l’emergenza è più grave;

– un piano di gestione del patrimonio delle case popolari lasciato nel totale abbandono, il riconoscimento del diritto alla casa a chi ha i requisiti ed è senza titolo, l’acquisizione degli alloggi dei fitti passivi (Casalbruciato, ecc.);

– istituzione di una commissione di inchiesta per la verifica delle modalità di gestione dei piani di zona e le violazioni commesse dalle imprese e coop. costruttrici che hanno applicato per alloggi sociali canoni o prezzi di vendita ai valori di mercato;

– riattivazione dello strumento di finanziamento del piano decennale regionale di un miliardo di euro per la casa approvato nel 2009 e verifica dello stato di impegno dei fondi ex-Gescal;

– attuazione di un piano di tutela degli inquilini degli enti previdenziali (Inps, Enasarco, Enpaia, Casse ragionieri-geometri-notariato-forense, ecc.) vittime di un attacco generalizzato con l’aumento insostenibile degli affitti o con le dismissioni speculative che colpiscono le famiglie con redditi bassi e gli anziani;

– l’approvazione di una norma che definisca il canone sociale, legato ai redditi familiari così come prevede la legge, per gli alloggi della Regione Lazio e dell’Ater non assoggettati all’E.R.P.;

– applicazione della norma (L. 199/2008) che tutela chi non può pagare il mutuo della casa.

Dopo un confronto serrato, sia da parte della maggioranza che dell’opposizione è stata manifestata la disponibilità ad approvare una norma che affronti positivamente le tematiche esposte.
Seguirà un incontro tra la Giunta e le forze politiche per predisporre un atto da portare all’approvazione del Consiglio regionale.

Comunque da quanto e’ emerso, sembra che ci siano margini di collaborazione alle nostre richieste, pero’ considerando che e’ da tanto tempo che sentiamo belle parole, ora vogliamo I fatti

LA LOTTA E’ DURA E NON CI FA PAURA!!!!
CdQ Mammut

#dirittoallacasa #stopsfratti #stopsgomberi #sanatoria #regionelazio #roma #comitatomammut